The Future is in Our Hands
Blog
Information, Awareness, Prevention / United to End Cancer

ABBRACCI_&_DIALOGO_ItalianoOggi sono andato (biografia di Dario Crosetto generica NOW-Magazine, The Dallas Morning News e professionale Conferenza ECM2015) a portare rispetto ai 5 poliziotti uccisi giovedi’ 7 luglio 2016 al termine della dimostrazione pacifica organizzata dal gruppo: “La vita dei neri ha importanza” per richiamare l’attenzione sui fatti tragici avvenuti alcuni giorni prima a Baton Rouge in Luisiana e a Falcon Heights in Minnesota.

Non hanno lasciato entrare il pubblico nella sala dell’Auditorium Meyerson dove si svolgeva la cerimonia alla presenza di alti dirigenti, poliziotti, religiosi, politici tra cui il Presidente Obama e sua moglie, il Vice-Presidente Joe Biden e sua moglie, George Bush e sua moglie, Nancy Pelosi, ecc.

Vedi questo post in PDF a: https://drive.google.com/file/d/0BxWfo2ViJ6r5Y09rdWdxUndCMkE/view?usp=sharing

Hanno tuttavia organizzato un grande schermo nel parco adiacente all’auditorium, ma dalle fotografie potete osservare che non vi erano molte persone (video del parco con poche persone). Io ho seguito la cerimonia sullo schermo e poi mi sono recato all’uscita del Meyerson dove un gruppetto di persone riceveva gli alti dirigenti con cartelli per lo più di amore e di desiderio di risolvere il problema con la comprensione. Vi era un unico cartello di protesta.

Ha fatto notizia un uomo di colore che vedete in fotografia, che poi hanno trasmesso al telegiornale, che distribuiva “ABBRACCI GRATUITI” (video abbracci). Un “abbraccio” in questo clima di rancore, di protesta dei neri vittime dei poliziotti bianchi e viceversa è sicuramente il primo passo importante da compiere ma come per tutte le altre incongruenze ed ingiustizie al mondo l’abbraccio, l’apertura del cuore deve essere seguito dal DIALOGO che realizzi la giustizia, la ragionevolezza, la compassione ed il rispetto del prossimo.

Se non si eliminano le incongruenze e le ingiustizie con il DIALOGO, l’abbraccio per molti si trasforma con maggiore rabbia in violenza perché si aggiunge anche il senso di tradimento.

Il dialogo fa emergere o evidenzia incongruenze e/o ingiustizie che se non vengono affrontate e eliminate rimangono per lungo tempo un insulto non solo all’intelligenza umana ma anche alla “compassione” per i propri simili che ognuno di noi percepisce della dignità umana di se stessi e degli altri.

Se non per necessità di sopravvivenza del gatto che mangia il pesce, o il topo, il cane che mangia la carne e l’uomo che mangia carne, pesce, verdura e inevitabilmente ognuno di noi uccide un’altra forma di vita animale o vegetale per sopravvivere, la “compassione” è compresa senza doverla spiegare anche dai cani, gatti, panda, uccelli, ecc., come rappresentato in questo video (video della compassione nell’aiutare altre creature).

Al fine di crescere in civiltà, in benessere e godere la nostra felicità e della felicità del prossimo è necessario affrontare le incongruenze e le ingiustizie con il dialogo tra di noi, nelle famiglie, nei quartieri, nei piccoli gruppi della propria comunità o città.

Nella nostra città di DeSoto abbiamo il programma “DeSoto Dining and Dialogue” (DDD) di cui faccio parte del Direttivo quale Consigliere di Amministrazione che prepara il programma dei temi dei dibattiti su problemi razziali o di interesse della comunità e organizza gli eventi.

Dal 2006 DDD organizza due o tre eventi all’anno in cui da sei a dieci famiglie mettono a disposizione la propria casa e preparano una cena per circa 10 ospiti che si prenotano in Comune. A casa mia lo scorso aprile avevo 17 persone come potete leggere dall’articolo in prima pagina sul quotidiano locale.

Un “facilitator” pone delle domande che sollevano una discussione su dei temi attuali tra i commensali. Per l’evento dell’autunno avevamo pensato di porre delle domande su come si desiderava utilizzare gli introiti maggiori dalle tasse che il Comune sta ricevendo perché il valore delle case è aumentato e di conseguenza il Comune ha soldi in piu’ da spendere.

Tuttavia, in seguito a questa drammatica vicenda abbiamo pensato di anticipare l’evento ad Agosto e riunirci il 25 luglio 2016 per preparare le domande su questo problema.

Gli argomenti da discutere che faranno emergere le incongruenze sono molti nella mia città di DeSoto che conta 50.000 abitanti con 70% neri, 23% bianchi e 7% di altre razze. Quando ero arrivato nel 1991 erano il 21% neri, 76% bianchi e il 3% di altre razze.

Tanto per elencare alcune incongruenze:

Come mai è piu’ facile acquistare una mitragliatrice, fucile e pistola senza dover esibire nessun documento mentre per votare ci sono molte verifiche. Il video di CNN apre gli occhi al riguardo.

Per acquistare una medicina in farmacia è necessaria la prescrizione dal medico.

Per acquistare una bottiglia di vino o un pacchetto di sigarette bisogna esibire un documento di identità.

Per guidare un’automobile bisogna seguire dei corsi, passare degli esami per conseguire la patente. Ecc. ecc…

Ma un ubriaco, un matto, una persona affetta da devianza bipolare, ecc., può acquistare una mitragliatrice, fucile o pistola senza dover esibire nessun documento, neanche dire il proprio nome.

Per ridurre la criminalità è possibile invitare ogni cittadino a vigilare e riportare comportamenti inusuali?

Per ridurre la tensione e dare fiducia al cittadino sarebbe utile assumere un maggior numero di poliziotti neri, potenziare gli strumenti ai poliziotti per diminuire il loro rischio, proteggerli da false accuse con telecamere, ma se un poliziotto sbaglia punirlo con una pena esemplare, proprio per aumentare la fiducia nel cittadino che si deve sentir protetto dalla polizia?

Queste ed altre possono essere le domande per suscitare un dibattito all’evento DDD in preparazione.

All’uscita degli alti dirigenti dall’Auditorium Meyerson ho riconosciuto la Senatrice a Washington Kay Bailey Hutchison (nella foto in basso a destra) del partito Repubblicano che aveva scritto una lettera nel 2001 (vedi copia della lettera) a sostegno delle mie invenzioni salvavita per la diagnosi precoce del cancro riconosciute vantaggiose scientificamente e per cercare di eliminare le incongruenze dell’enormità dei soldi spesi nella lotta contro il cancro e degli scarsi risultati ottenuti nella riduzione della mortalità da cancro. Ho quindi aggiornato la Senatrice sugli sviluppi recenti del problema che presenta le medesime incongruenze di 15 anni fa della mancanza di trasparenza nell’assegnazioni dei soldi delle tasse dei cittadini e delle donazioni ai progetti di ricerca.

Dal momento che il problema del cancro è apartitico e apolitico perché ci tocca tutti, sia di destra che di sinistra, di tutti i partiti del mondo, io mi rivolgo a chi è sensibile a questo problema.

In passato era anche intervenuta l’Onorevole Eddi Bernice Johnson (nella foto in basso a sinistra) Deputato al Parlamento a Washington per il Partito Democratico che aveva cercato di portare all’attenzione delle Agenzie Governative che assegnano i soldi delle tasse dei cittadini ai progetti di ricerca i vantaggi della mia invenzione descritta in un libro tecnico-scientifico e in diversi articoli.

Tuttavia, anche lei non è riuscita a far esaminare apertamente, pubblicamente la mia invenzione come era stata esaminata quella precedente, il 3D-Flow durante la mia presentazione di 90 minuti nell’auditorium del Fermi National Laboratory di Chicago davanti a centinaia di scienziati. L’esame al FERMILAB era continuato con riunioni durate un’intera giornata e la mia invenzione era stata riconosciuta valida in un rapporto scritto con l’assegnazione dei fondi disponibili durante la chiusura del Supercollider (che pero’ non erano sufficienti per completare il progetto).

Purtroppo a distanza di 15 anni questa incongruenza rimane e nonostante tutte le dichiarazioni ufficiali che si finanziano i progetti migliori ci sono prove che viene negata la procedura scientifica che analizza i progetti analiticamente basandosi su calcoli ed evidenze scientifiche.

Recentemente, ho stabilito la comunicazione con diversi enti che dovrebbero realizzare questa procedura ma è emerso il rifiuto alla trasparenza per coprire gli interessi di un cerchio di scienziati corrotti che valutano in forma anonima i progetti scientifici e poi si spartiscono la torta dei soldi delle tasse dei cittadini in riunioni a porte chiuse.

Il blog http://blog.u2ec.org/wordpress/?p=1830&lang=it riassume lo stato di questi colloqui al 12 luglio 2016. Per seguire l’evoluzione di questo problema che potrebbe essere risolto con la forza del DIALOGO seguite gli aggiornamenti al sito: http://blog.u2ec.org/wordpress/?cat=20 (purtroppo ancora in inglese).

 

 

Share it!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on RedditShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

This post is also available in: Inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *