The Future is in Our Hands
Blog
Information, Awareness, Prevention / United to End Cancer

SI RINNOVA LA RICHIESTA: a) di ritirare la conclusione scientifica negativa “… “…la valutazione e’ negativa, e le conclusioni finali, non lasciano dubbi riguardo all’opportunita’ di finanziare il progetto” operata in ordine alla mia invenzione da parte del Prof. Mauro Freccero che danneggia i contribuenti e l’umanita’ in quanto basata su affermazioni false, b) di ritirare la valutazione scientifica negativa “Questo progetto con molta probabilita’ non sarebbe valutato positivamente da alcun referee scientifico, ne’ sarebbe finanziato da alcuna commissione nazionale o europea” operata in ordine alla mia invenzione da parte dei revisori del Dipartimento di Fisica dell’Universita’ e dell’INFN di Pavia, di cui si ribadisce l’assoluta infondatezza delle conclusioni dei revisori in quanto basate sulla superficiale lettura degli atti, cosi’ come da me gia’ evidenziato e documentalmente provato nell’Allegato A-I e A-E

5 luglio 2017

Egr. Prof. Mauro Freccero,

Il sottoscritto Dario B. Crosetto, nato a Monasterolo di Savigliano il 22 luglio 1951, residente in Hideaway Place al n. 900 nella citta’ di DeSoto, CAP 75115, in Texas (Stati Uniti). C.F.xxx xxx xxxxx xxxxx

 

PREMESSO CHE

 

In data 12 giugno 2017, ho ricevuto un rapporto dal titolo “Relazione sul documento ‘3D-Flow OPRA’ a firma di Dario B. Crosetto del 22 dicembre 2015” (goo.gl/6N6A59) ad opera del Prof. Mauro Freccero, referente scientifico presso l’Universita’ di Pavia, incaricato dal Rettore dell’Universita’, Prof. Fabio Rugge.

 

Il Prof. Freccero ha accompagnato tale relazione al Rettore Prof. Rugge e ad altri con un suo commento che afferma: “…grazie alla collaborazione dei colleghi del Dipartimento di Fisica ed il Direttore dell’INFN di Pavia, ho ottenuto la prima valutazione…” (pagina 17 di “goo.gl/6N6A59”) che induce il lettore di questa revisione a pensare che il Dipartimento di Fisica e l’INFN di Pavia siano i firmatari della revisione del documento di 264 pagine relativo al progetto 3D-Flow OPRA.

 

La revisione relativa al progetto 3D-Flow (pagine 3-17 di “goo.gl/6N6A59”) inviata dal dott. Freccero riporta dichiarazioni false e dichiarazioni non supportate da argomentazioni scientifiche che danneggiano l’avanzamento della scienza, i contribuenti ed i malati di cancro.

 

Le falsita’ sono riscontrabili a due livelli: al livello del compito dell’editore che dovrebbe verificare l’esistenza o meno di determinate parole o componenti/oggetti che i revisori hanno rivendicato non essere presenti nel documento (senza entrare nel contenuto del progetto/invenzione), ed al livello del compito dei revisori di verificare il contenuto per valutare se l’invenzione 3D-CBS OPRA possa fornire grandi vantaggi e benefici rispetto ad approcci e progetti alternativi.

 

Responsabilita’ dell’editore/amministratore, Prof. Mauro Freccero di ritirare i suoi giudizi conclusivi infondati che danneggiano i contribuenti ed i malati di cancro.

Le affermazioni non corrette dei revisori relative alla lettura di una parola, o componente/oggetto presente nel documento possono essere facilmente verificate dall’editore della revisione, Prof. Mauro Freccero o da qualsiasi persona anche non competente in materia, tramite una semplice ricerca di parole chiave nel documento di 264 pagine che gli esaminatori sostengono non esistere. Una semplice ricerca dei caratteri “3D-Flow”, “8.192”, “nm”, ecc., avrebbe rivelato la falsita’ di quanto essi sostengono. L’affermazione da parte dei revisori di non trovare il processore 3D-Flow in questo documento (pagina 15 righe 064-065 di “goo.gl/6N6A59”) e’ smentita dal fatto che cercando la parola “3D-Flow” nel documento la si la trova oltre 800 volte. Per ben 73 volte i revisori confondono il numero dei processori con il numero degli 8.192 canali elettronici del sistema (pagina 14, riga 061 di “goo.gl/6N6A59”). Mancare 800 volte la prima parola e 73 volte la seconda dimostra che i revisori non hanno letto il documento con attenzione. Essi hanno confuso la Sezione II di 7 pagine che descrive l’apparecchiatura per testare e misurare l’efficienza di qualsiasi sistema simile a quello presentato nel progetto e non hanno notato la Sezione VI di 96 pagine che descrive il progetto stesso (pagina 4, riga 007 di “goo.gl/6N6A59”). Entrambe le sezioni sono riconoscibili dal titolo, quindi neppure i titoli sono stati letti con attenzione. La ricerca dei caratteri “nm” avrebbe provato il contrario di cio’ che sostengono i revisori, cioe’ che il progetto presentata una tecnologia obsoleta di 350 nm del 1998, mentre a pagina 137, 142 e 146 del documento avrebbero trovato la descrizione del mio progetto che usa una tecnologia di 40 nm del 2015, anno in cui e’ stato scritto il documento. Questi errori dimostrano senza dubbio che questi revisori anonimi non hanno letto con attenzione il documento. Ci vuole uno sforzo per leggere 264 pagine e se i revisori non erano disposti a leggerlo attentamente, forse non avrebbero dovuto accettare di essere i revisori.

 

Responsabilita’ dei revisori di ritirare i loro giudizi conclusivi infondati che danneggiano i contribuenti ed i malati di cancro.

I revisori affermano il falso quando sostengono che il documento di 264 pagine non e’ scientifico, che non ci sono riferimenti oggettivi, che riporto affermazioni di dubbia veridicita’ sugli esperimenti LHC. Queste affermazioni non corrispondenti a verita’, mancano di rispetto alla scienza in quanto il mio documento e’ molto scientifico nel descrivere dell’elettronica fattibile che puo’ ottenere i risultati rivendicati, sono stati forniti riferimenti oggettivi, quali il confronto con elettronica simile utilizzata al CERN e le affermazioni relative all’LHC sono veritiere in quanto presenti in documenti ufficiali del CERN. Essi mi accusano di autoreferenzialita’ (pagina 8, riga 036 di “goo.gl/6N6A59”), ed allo stesso tempo notano che ci sono diverse lettere di referenze esterne di massimi esperti del settore che approvano la mia invenzione 3D-Flow (pagina 5, riga 018-019 di “goo.gl/6N6A59”) ma accusano anche gli autori delle medesime (pagine 49-53 e 73-81 di “goo.gl/Sgdu15”) sostenendo che nelle loro lettere non vi sia un approccio scientifico al problema. Questa e’ una mancanza di rispetto nei confronti dei colleghi che hanno supportato le loro affermazioni con argomenti scientifici, cosa che non e’ stata fatta dai revisori. L’affermazione che le architetture del processore e del sistema 3D-Flow sono obsolete e’ falsa (pagina 10, righe 042-043 di “goo.gl/6N6A59”). Sono invece molto attuali, competitive e vantaggiose rispetto ad altri approcci. Il sistema 3D-Flow e’ dimostrato fattibile da 59 offerte/preventivi per sostituire 4.000 schede elettroniche del Trigger di Livello-1 dell’esperimento CMS al CERN (e di altri esperimenti) con nove schede 3D-Flow OPRA (goo.gl/AoszvQ), che forniscono un enorme aumento in prestazioni ad un millesimo del costo. L’affermazione dei revisori che dovrei usare connessioni ottiche nelle sezioni del progetto da loro indicate non e’ corretta (pagina 11, riga 045 di “goo.gl/6N6A59”) poiche’ ridurrebbe le prestazioni del sistema come ho anche spiegato in un articolo al pubblico generico (goo.gl/V45aDU). Le affermazioni dei revisori che il calcolo parallelo e’ patrimonio di alcune societa’ specializzate oltre a qualche ente di ricerca (pagina 12, righe 048-052 di “goo.gl/6N6A59”), quindi secondo loro hanno l’esclusiva per proporre una soluzione per il Trigger di Livello-1 e per catturare tutti i segnali dai marcatori tumorali. Ne consegue sempre secondo la loro teoria che se queste societa’ non possono rivendicare vantaggi e benefici nel salvare vite, nessun altro, compresa l’architettura 3D-Flow OPRA potra’ fare queste rivendicazioni. Questa affermazione da parte dei revisori e’ completamente infondata in quanto totalmente priva di supporto scientifico. Ho spiegato in maggiore dettaglio le differenze tra i supercomputers ed il mio sistema a processori-paralleli 3D-Flow in un articolo per il pubblico generico disponibile a “goo.gl/oZGYoy”.

 

Tutte queste affermazioni non corrette asserite da revisori anonimi possono far parte di un piano per denigrare e sopprimere la verita’ scientifica, appropriasi indebitamente dei soldi dei contribuenti a danno dell’umanita’ per favorire altri programmi e raggiungere altri obiettivi.

 

Onde evitare che persone ignare di questa possibilita’, involontariamente diventino parte di questo piano, il 27 giugno 2017 ho risposto con professionalita’ in modo pertinente e scientifico a goo.gl/6N6A59a tutti i punti della revisione come mi e’ stato richiesto, chiedendo di ritirare con urgenza queste conclusioni assolutamente infondate, sia da parte degli esaminatori, sia da parte del referente scientifico Prof. Freccero, amministratore ed editore della revisione, in quanto le sue affermazioni sono basate sulla superficiale lettura degli atti, così come da me evidenziato e documentalmente provato nell’Appendice A-I “goo.gl/6N6A59” e Appendice A-E “goo.gl/J9h4qL”.

 

Confidando nel senso di rispetto, profesionalità dei referees, e soprattutto nella loro responsabilità di fronte ai contribuenti che gli danno fiducia, al metodo scientifico ed al contenuto, con molta pazienza e diplomazia, ho telefonato al Prof. Freccero ed alla segreteria del Rettore dell’Università di Pavia. Desideravo assicurarmi che la mia risposta alla revisione del 27 giugno 2017 fosse stata ricevuta e per trovare un accordo affinchè queste due affermazioni conclusive che danneggiano l’avanzamento della scienza, oltre che i contribuenti, i malati di cancro e l’umanità venissero ritirate al piu’ presto e chiedere che fosse data l’opportunita’ ai ricercatori del Dipartimento di Fisica e dell’INFN di Pavia di confermare o dissociarsi dal contenuto della revisione dal momento che sono stati indicati dal dott. Freccero quali firmatari della medesima. La segreteria del Rettore mi ha indicato come responsabile della revisione il Prof. Freccero, la Segreteria del Dipartimento di Fisica e la segreteria dell’INFN di Pavia quali interlocutori per la richiesta di informare i ricercatori circa la condivisione o meno di questa revisione.

 

Ho inviato personalmente la richiesta di confermare o dissociare la firma alla revisione riportata nell’Appendice A-I e A-E ai seguenti ricercatori di Pavia. Tuttavia, poiché sono stato informato che molti di essi non hanno ricevuto la mia email, ho invitato la segreteria del Dipartimento di Fisica e dell’INFN a reinviare il documento ufficialmente, includendo eventuali ricercatori di Pavia che non compaiono nell’elenco.

 

L’elenco dei ricercatori che riflette quanto affermato nella dichiarazione del Prof. Freccero e’ il seguente: Dr. Saverio Altieri, Dr. Lucio Andreani, Dr. Alessandro Bacchetta, Dr. Giorgio Baiocco, Dr. Francesca Ballarini, Dr. Vittorio Bellani, Dr. Gianluigi Boca, Dr. Silva Bortolussi, Dr. Giuseppe Bozzi, Dr. Mauro Carfora, Dr. Pietro Carretta, Dr. Maurizio Corti, Dr. Giacomo Dariano, Dr. Claudio Dappiaggi, Dr. Anna Deambrosis Vigna, Dr. Antonio Debari, Dr. Lidia Falomo Bernarduzzi, Dr. Fregonese, Dr. Pietro Galinetto, Dr. Matteo Galli, Dr. Mario Geddo, Dr. Dario Gerace, Dr. Elio Giroletti, Dr. Enrico Virgilio Giulotto, Dr. Carlotta Giusti, Dr. Gianluca Introzzi, Dr. Marco Liscidini, Dr. Michele Livan, Dr. Chiara Macchiavello, Dr. Lorenzo Maccone, Dr. Franco Marabelli, Dr. Manuel Mariani, Dr. Alessandro Menegolli, Dr. Luigi Mihich, Dr. Guido Montagna, Dr. Paolo Montagna, Dr. Andrea Negri, Dr. Andrea Ottolenghi, Dr. Barbara Pasquini, Dr. Maddalena Patrini, Dr. Paolo Perinotti, Dr. Daniela Rebuzzi, Dr. Cristina Riccardi, Dr. Adele Rimoldi, Dr. Silvano Romano, Dr. Alberto Rotondi, Dr. Paolo Vitulo, Dr. Bruno Bertotti, Dr. Sigfrido Boffi, Dr. Gianni Bonera, Dr. Giorgio Guizzetti, Dr. Adalberto Piazzoli, Dr. Attilio Rigamonti, Dr. Angiolino Stella, Dr. Alessandro Braghieri, Dr. Paolo Cattaneo, Dr. Deluca, Dr. Angelica Facoetti, Dr. Andrea Fontana, Dr. Marco Guagnelli, Dr. Alessandro Lascialfari, Dr. Paolo Mascheretti, Dr. Oreste Nicrosini, Dr. Paolo Pedroni, Dr. Fulvio Piccinini, Dr. Marco Radici, Dr. Sacchi, Dr. Paola Salvini, Dr. Carlo Carloni, Dr. Claudio Conta, Dr. Carlo DeVecchi, Dr. Roberto Ferrari, Dr. Gabriella Gaudio, Dr. Agostino Lanza, Dr. Claudio Montanari, Dr. Giacomo Polesello, Dr. Andrea Rappoldi, Dr. Gianluca Raselli, Dr. Marco Roncadelli, Dr. Massimo Rosells, Dr. Valerio Vercesi.

 

Durante la mia conversazione con il Prof. Freccero, egli e’ stato irremovibile, ha ribadito che in quanto editore deve mantenere segreto il nome del revisore(i) e deve semplicemente riportare le conclusioni della revisione “…la conclusione e’ negativa, e le conclusioni finali, non lasciano dubbi riguardo l’opportunita’ di finanziare il progetto” aggiungendo che la sua affermazione conclusiva puo’ solo essere cambiata in seguito al ricevimento di una revisione diversa.

 

A nulla è valsa la mia osservazione che invece il suo giudizio è basato su delle falsità, che qualsiasi persona, anche non esperta in materia, quale un editore o una segretaria, può verificare se nel documento esiste oltre 800 volte la parola “3D-Flow” ed i revisori non si sono imbattuti neanche in una, se le 73 volte in cui e’ stato menzionato il numero 8.192 si riferisce al numero dei processori o al numero dei canali elettronici, ecc. Tutto cio’ dimostra che i revisori hanno effettuato una lettura alquanto superficiale degli atti, quindi nessuna conclusione è attendibile ed è sua responsabilità ritirare il suo giudizio conclusivo.

 

Per prudenza, rispetto e diplomazia, il 30 giugno 2017, ho quindi inviato l’email dell’Appendice B “goo.gl/1Emxey” al Prof. Freccero e in copia all’indirizzo email della Segreteria del Rettore ed al Rettore Prof. Rugge, alla segreteria del Dipartimento di Fisica ed al suo Direttore Prof. Rotondi, e al Direttore della Sezione di Pavia dell’INFN, Prof. Valerio Vercesi.

 

Tuttavia, in seguito al totale rifiuto da parte del Prof. Freccero di affrontare aspetti scientifici e discutere dei commenti dei revisori di cui non esiste alcun riferimento nel mio documento, sorge la curiosità di capire come mai una persona della statura del Prof. Freccero occupa tale posizione, dove basterebbe un impiegato o una segretaria poiché è sufficiente un semplice invio ad altri di quanto fornito dai revisori anonimi e ripetere il loro giudizio conclusivo. Il Prof. Freccero ha affermato che lui deve limitarsi al suo ruolo di editore dei commenti dei revisori senza affrontare il contenuto in quanto lui è un chimico ed il contenuto della revisione e’ relativo alla fisica, informatica ed elettronica.

 

Il Prof. Freccero usa questa scusa ma in realta’ la mia esperienza comprova che sono sempre riuscito a spiegare la mia invenzione di base a centinaia di scienziati nell’auditorium del Fermilab in una revisione scientifica pubblica (pagine 54-69 di “goo.gl/Sgdu15”)  e a diversi altri che hanno capito i suoi vantaggi ed l’hanno supportata con richieste che venisse finanziata (pages 49-53 and 73-81 of “goo.gl/Sgdu15”). Ho anche spiegato il concetto innovativo della mia invenzione 3D-Flow al pubblico generico in diverse conferenze a diversi gruppi, compreso agli studenti ed insegnanti della scuola Media Montessori di Dallas con l’analogia dell’imbottigliamento dell’acqua, con i quali avevamo poi scritto un libro. Avvalendomi dell’analogia delle buste l’ho spiegato agli studenti di una scuola Media Superiore di San Antonio, in Texas con i quali avevamo poi realizzato un video (goo.gl/Wmxth0) al minuto 7,50. Nell’analogia, il problema da risolvere era di poter analizzare per 30 secondi il contenuto di ogni nuova busta che arrivava ogni 6 secondi. Un mio amico, Preside di una scuola superiore ha spiegato con l’analogia dell’imbottigliamento dell’acqua il concetto della mia invenzione ad un pubblico generico in piazza nell’ambito della manifestazione “Naturalmente Cumiana” organizzata nella medesima città da Mario e Maria Migneco. Sicuramente sarei riuscito a spiegare il concetto ed i vantaggi della mia invenzione a processori paralleli 3D-Flow al Prof. Freccero se mi avesse dato ascolto per pochi minuti anche se la sua specializzazione e’ in chimica.

 

In seguito all’ultimo rifiuto telefonico del Prof. Freccero di affrontare qualsiasi argomento scientifico e dopo non aver ricevuto alcun riscontro alla mia ultima email (goo.gl/1Emxey), sono costretto a questo punto con la presente

 

DI RINNOVARE LA RICHIESTA

 

  1. di ritirare la conclusione negativa “… “…la valutazione e’ negativa, e le conclusioni finali, non lasciano dubbi riguardo all’opportunita’ di finanziare il progettooperata in ordine alla mia invenzione da parte del Prof. Mauro Freccero che danneggia i contribuenti e l’umanita’ in quanto basata su affermazioni false. Una ricerca nel mio documento da parte dell’editore o di chiunque anche non esperto nel settore puo’ verificare che quanto riportato nel mio documento e’ diverso da quanto affermato dai revisori.

 

  1. di ritirare la conclusione negativaQuesto progetto con molta probabilita’ non sarebbe valutato positivamente da alcun referee scientifico, ne’ sarebbe finanziato da alcuna commissione nazionale o europeaoperata in ordine alla mia invenzione da parte dei revisori del Dipartimento di Fisica dell’Universita’ e dell’INFN di Pavia, di cui si ribadisce l’assoluta infondatezza delle conclusioni dei revisori in quanto basate sulla superficiale lettura degli atti, cosi’ come da me gia’ evidenziato e documentalmente provato nell’Appendice A-I “goo.gl/6N6A59” e Appendice A-E “goo.gl/J9h4qL”.

 

  1. di non intraprendere alcuna revisione scientifica del mio progetto/invenzione da revisori anonimi senza il mio consenso scritto, perche’ l’esperienza passata dimostra che essi usano questa procedura non-trasparente e non-scientifica per apparentemente sopprimere innovazioni e diffamare il lavoro e la reputazione di altri scienziati con assunzioni, affermazioni e rivendicazioni infondate, false e non supportate da calcoli e/o argomentazioni scientifiche che non solo danneggiano la reputazione di altri scienziati, ma soprattutto impediscono l’avanzamento nella scienza ed i benefici all’umanita’.

.

È ben consolidato ed e’ parte del codice di condotta professionale che il ruolo e la responsabilità di uno scienziato è quello di essere veritiero verso se stesso e verso altri scienziati e di perseguire la verità a beneficio dell’umanità. La verità è ottenuta sostenendo i risultati dei calcoli, del ragionamento logico, delle osservazioni e dell’interpretazione delle leggi della natura, e non usando l’anonimato per sopprimere i l’avanzamento nella scienza e diffamare la reputazione dei colleghi e/o calunniarli.

 

Le mie invenzioni sono state riconosciute formalmente e ufficialmente in grado di poter creare vantaggi tecnologici notevoli del settore. Dal momento che i contribuenti ogni anno danno miliardi di euro al CERN, è giunto il momento che i loro scienziati si assumano la responsabilità e affrontino le mie invenzioni in modo aperto, pubblico e trasparente, confrontandole con altri approcci. Dovrebbero anche spiegare il motivo per cui negli ultimi venticinque anni i progetti meno efficienti e più costosi che erano inadeguati per risolvere il problema del trigger di Livello-1 sono stati finanziati ed infine cestinati mentre le mie invenzioni ufficialmente riconosciute di avere la capacita’ di risolvere il problema non sono state finanziate.

 

Ora il mio progetto/invenzione 3D-Flow OPRA che può offrire vantaggi dirompenti nell’avanzamento della scienza e salvare molte vite continua ad essere soppresso. Il mio sistema 3D-Flow OPRA si è dimostrato fattibile da 59 offerte/preventivi effettuati da industrie rinomate in grado di sostituire centinaia di chassis contenenti 4.000 schede elettroniche (goo.gl/mPHw5Y) del Trigger di Livello-1 dell’esperimento CMS al CERN, con uno chassis contenente 9 schede 3D-Flow OPRA (goo.gl/AoszvQ) che forniscono un enorme vantaggio nelle prestazioni a un millesimo del costo.

 

Il ruolo e la responsabilità degli scienziati è quello di collaborare tra loro, per fornire la soluzione più potente ed economicamente vantaggiosa mirata all’avanzamento  della scienza, nonché fornire benefici ai contribuenti e all’umanità.

 

Quindi, invece di continuare a chiedermi:

  1. di scrivere articoli, documenti, rispondere ai  revisori anonimi che non leggono con attenzione i miei documenti e le mie risposte alle loro domande e pochi anni dopo ricevo le stesse domande da parte di altri revisori anonimi;

 

  1. di presentare proposte di richiesta di finanziamento in cui i revisori non considerano i vantaggi della mia innovazione, ma mi chiedono di seguire il vecchio approccio tradizionale o non leggo la mia proposta;

 

  1. ancora peggio, di presentare formalmente una proposta e poi la fanno scomparire, insieme a tutta la corrispondenza con l’agenzia di finanziamento come avvenuta con il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti (pagine 18-19 di “goo.gl/6N6A59”),

 

dovremmo valutare i vantaggi ed i benefici delle mie invenzioni pubblicamente, in tempo reale, faccia a faccia con gli esperti del settore che sviluppano sistemi simili a CERN dove viene spesa la maggior parte del denaro dei contribuenti in questo settore. Mi dovrebbe essere consentito di presentare le mie due pagine dell’appendice C (goo.gl/AoszvQ) al CERN, seguita dalla presentazione di tutti i suoi componenti “goo.gl/Sgdu15”, e di poter rispondere alle domande degli esperti che hanno costruito sistemi Level-1 Trigger negli ultimi due decenni, e verificare insieme i miei calcoli, dati e argomenti scientifici per convalidare le mie rivendicazioni riguardo ai vantaggi e ai vantaggi tecnologici.

 

Dopo questa presentazione al CERN, dovrei avere la possibilità di presentare una simile presentazione delle mie due pagine dell’appendice D (goo.gl/QLuA1n) presso il National Institutes of Health degli Stati Uniti (NIH), il National Cancer Institute (NCI), il Cancer Prevention Research Institute of Texas (CPRIT), ecc., seguita da una presentazione di tutti i suoi componenti, rispondere alle domande degli esperti che costruiscono dispositivi per la diagnostica medica quali le apparecchiature PET (Tomografia ad Emissione di Positroni), confrontando la mia tecnologia 3D-CBS (esame completo del corpo in 3-D) con altri progetti come l’Explorer (goo.gl/tmTZ9O) e verificare insieme i miei calcoli, dati e argomenti scientifici per convalidare le mie rivendicazioni relative ai vantaggi tecnologici del 3D-CBS

 

I commenti ricevuti dai revisori di Pavia descritti nell’Appendice A-I “goo.gl/6N6A59” e Appendice A-E “goo.gl/J9h4qL”, sono un esempio delle affermazioni e rivendicazioni infondate, false, non supportate da calcoli e/o argomentazioni scientifiche, simili a quelle ricevute durante gli ultimi 20 anni da parte di revisori anonimi di mie proposte, di revisioni, di articoli o abstracts/sommari che ho presentato a diverse agenzie che finanziano progetti di ricerca ed alle conferenze IEEE-NSS-MIC nel 2016, nel 2014 e negli anni precedenti. La IEEE e’ la più grande organizzazione di professionisti tecnico-scientifici al mondo che conta oltre 400.000 membri che secondo quanto affermato nel sito web, sono dedicati a sviluppare tecnologie avanzate per il bene dell’umanità. Risparmio i riferimenti ad esempi di simili soppressioni negli anni 1999, 2002, 2007, 2008, ecc., e mi limito a fornire i riferimenti ai commenti dei revisori anonimi degli anni 2014 e 2016. Per il 2014 i riferimenti si trovano da pagina 238 a  245 di “goo.gl/Sgdu15”. Per il 2016 i commenti dei revisori anonimi e le mie risposte si trovano nel documento “goo.gl/5dnuHN”. Il quell’occasione, il 5 novembre 2016, ho avuto un incontro della durata di quasi due ore con il Presidente in carica dell’IEEE-NPSS dott. John Verboncoeur, e il Presidente eletto in carica dal gennaio 2017, dott. Stefan Ritt. Durante tale discussione Ritt e Verboncoeur non hanno potuto sostenere con argomentazioni scientifiche le rivendicazioni dei revisori anonimi, non hanno potuto invalidare le mie rivendicazioni ed hanno dichiarato che non avevano mai sentito nulla di simile alle mie invenzioni.

 

Questo fa chiaramente capire che i miei documenti non sono mai stati letti con attenzione oppure i revisori avevano altri programmi ed obiettivi che hanno causato la soppressione delle mie invenzioni ed il finanziamento di approcci/progetti meno efficienti e più costosi.

 

Una presentazione delle mie invenzioni al CERN in una revisione analoga a quella svoltasi presso il Fermilab il 14 dicembre 1993 (pagine 54-69 di “goo.gl/Sgdu15”), è da ritenere già molto in ritardo. Troppe centinaia di milioni di dollari e moltissime vite umane sono state perse inutilmente perché questo dialogo aperto, pubblico, trasparente con i migliori esperti che spendono i soldi del contribuente in questo settore è stato impedito.

 

Invio questa lettera a lei, Prof. Freccero concedendogli 30 giorni dalla data del ricevimento della presente per rispondere alle tre voci di cui sopra di 1. ritirare la sua conclusione negativa,  2. ritirare la conclusione negativa dei revisori di Pavia, 3. astenersi dal fare una revisione da parte di revisori anonimi del mio progetto/invenzione senza il mio esplicito consenso scritto.

 

Atto questo che si invia per opportuna conoscenza al Procuratore della Repubblica di Pavia con la riserva di intraprendere azioni a tutela degli interessi dei contribuenti e dei malati di cancro.

 

Sinceramente,

 

Dario Crosetto

900 Hideaway Pl

DeSoto, TX 75115 – USA

Email: crosettodario@gmail.com

Share it!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on RedditShare on LinkedInPin on PinterestShare on TumblrEmail this to someone

This post is also available in: Inglese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *